estate-in-sardegna-20-cose-da-non-perdere

Estate in Sardegna: 20 cose da non perdere

La nostra estate in Sardegna! La nostra INVIDIATISSIMA estate! Per un momento avevo immaginato a qualcosa del tipo “Le 10 spiagge più belle della Sardegna”. Poi ho pensato.. Beh, forse servirebbe citarne un po’ più di dieci, magari cento o mille! Ma poi, chi ci crede alle spiagge più belle della Sardegna? Nord, sud, ovest, est ogni spiaggia in Sardegna è la spiaggia più bella!

Conclusione? Tenetevi le spiagge, quest’estate non ci si annoia! Neanche un po’. Quello che Sardinia IS vi propone è una super guida sui 20 luoghi, attività ed eventi da non perdere assolutamente in questa carichissima estate in Sardegna! Nel completarla, alcuni di voi (abilissimi spoiler) ci hanno suggerito quelli che sono i più interessanti eventi e attività dell’estate sull’isola! Graziee!

Nessuna pretesa..

Non si tratta di una classifica, e nemmeno di una guida esaustiva (avremmo potuto continuare ancora e ancora), vi proponiamo ciò che secondo noi sono gli imperdibili 20 must dell’estate in Sardegna!

Sardinia IS lancia la SUMMER CHALLENGE: non rimanete fermi, scopriteli tutti!

1.Mamumask

Immergetevi nell’affascinante mondo delle maschere del mediterraneo! Tradizione, Artigianato, Arte, Cibo e Vino, Danza, Musica e Teatro: questo è Mamumask! Dal grande riscontro del 2018, il Festival Internazionale delle Maschere giunge alla seconda edizione. Un ambizioso progetto che abbraccia l’intero territorio del nuorese e le più significative istituzioni. L’internazionalità dell’evento si esprime attraverso lo scambio culturale tra paesi che condividono la cultura del mascheramento. Quest’anno la partnership vede coinvolta la Spagna, con la partecipazione del gruppo di maschere galiziane Boteiros di Viana de Bolo e di un gruppo di suonatori e danzatrici di Flamenco. Un ponte culturale tra la Spagna e la Sardegna, l’unione di due territori e culture già fortemente connessi tra loro. Tante le attività e i percorsi enogastronomici previsti. Scopri l’intero programma! #ESTATEINSARDEGNA

2. Musica sulle Bocche

Cultori della musica Jazz, amanti della musica elettronica e tutti voi curiosi, fatevi avanti! Tra gli appuntamenti musicali da non perdere il consiglio è sicuramente Musica sulle Bocche, il Festival Internazionale del Jazz, uno degli eventi culturali di maggior rilievo in Sardegna. L’evento, creato e diretto dal musicista Enzo Favata e organizzato dall’associazione Jana Project, si è svolto fino alla scorsa edizione, nell’incantevole contesto di Santa Teresa di Gallura. Quest’anno un altrettanto eccezionale location: Castelsardo! Ogni edizione, ospiti di assoluto rilievo nel panorama mondiale del jazz approdano in territorio sardo per regalarci 4 fantastiche giornate di concerti dall’alba al tramonto! Il progetto abbraccia inoltre vari altri generi musicali e artistici: la musica elettronica, le più alte espressioni della tradizione popolare, la fotografia, il graphic design, l’arte digitale. Una XIX edizione tutta da scoprire! #ESTATEINSARDEGNA

3. Phi Beach

Cosa c’è di più esclusivo di uno spettacolare tramonto sardo, gustato con un buon calice di vino, immersi tra le rocce del Phi Beach? Eh.. Difficile. Difficilissimo. Si, lo so… i loro social ci hanno fatto sognare l’estate tutto l’anno, ma questa estate 2019 è finalmente arrivata! Per chi non lo conoscesse, Phi beach è una frequentatissima destinazione del Nord Sardegna, non distante dalle località di Baja Sardinia e Cannigione, in Costa Smeralda. Si tratta di un eccezionale open air club, che gode di una privilegiata posizione a ridosso sul mare, circondato da un panorama da togliere il fiato, fatto di colori caldi e avvolgenti e caratteristiche rocce levigate dal vento e dall’acqua. Un’atmosfera unica. Meta di coloro che amano tuffarsi nei luoghi più esclusivi della Sardegna, Phi Beach è divenuto, ormai da varie stagioni, uno dei “mood” della nostra estate in Sardegna! Per questo Sardinia IS ha deciso di inserire questa particolare location tra le 20 cose da non perdere assolutamente! #ESTATEINSARDEGNA

4. Red Valley Festival

Qualcuno si sta già allenando! Preparatevi anche voi, si salta! Nella splendida cornice di Arbatax – Rocce Rosse arriva la V edizione del miglior EDM festival della Sardegna! Una manifestazione artistica e musicale che ha visto negli anni gravitare migliaia di persone con ospiti di eccezione: da Sean Paul, guest principale della scorsa edizione, a Steve Aoki e Deorro. Dal 14 al 17 agosto, quattro giorni di imperdibili concerti vedranno ancora una volta dei Super Big infiammare il palco del Red Valley: il dj e producer numero uno al mondo, David Guetta nella sua unica data in Italia, Salmo il rapper dei record, sardo fino all’osso (con lui non si può di certo parlare di guest!), il ritorno del grande Steve Aoki e, direttamente dai palcoscenici di Tomorrowland e Electric Daisy Carnival, Will Sparks, la giovane promessa dell’EDM mondiale. Tantissimi altri grandi artisti prendo parte a questa vertiginosa line up! Il 14 Agosto, alla vigilia di questo elettrizzante Ferragosto, sarà proprio la star internazionale David Guetta a dare il via a questa super edizione del Red Valley Festival. Scoprite l’intera line up, le date e le anticipazioni su https://www.redvalleyfestival.it/ #ESTATEINSARDEGNA

5. Sardegna in Catamarano

Estate in Sardegna? Basta lettino e ombrellone, ora si parte davvero! Le lunghe o brevi uscite in catamarano sono il modo migliore per godersi il meraviglioso spettacolo delle coste sarde. Questa attività la consigliamo proprio a tutti! Sia a coloro che sono alla ricerca di leggerezza e assoluto relax, sia a chi vuole vivere un’esperienza unica e dinamica fatta di escursioni, gare di immersione e aperitivi al tramonto tra le acque cristalline. È possibile programmare una gita in catamarano partendo da varie località in Sardegna: Cagliari, Carloforte, Isola di San Pietro, Alghero, Stintino, Castelsardo, Cannigione, Olbia, Villasimius e molte altre. Tantissimi gli itinerari proposti! Un esempio è l’itinerario “Sardegna Est” organizzato da CS Charter che, partendo da Villasimius, vi dà la possibilità di risalire l’incantevole costa orientale fino a Caprera, nell’arcipelago della Maddalena. Riportiamo di seguito le tappe di questo itinerario: Porto Corallo, Arbatax, Santa Maria Navarrese, Porto Ottiolu, Siniscola, Olbia, Costa Smeralda, Cannigione, Palau, Arcipelago della Maddalena, Caprera (scopri qui). Il Wind Sardinya Sail di Alghero propone invece il Catamaran Daily Trip, alla scoperta del golfo di Alghero, con soste nelle più caratteristiche cale della zona e pranzo a bordo! Sia che scegliate un viaggio di più giorni o un’uscita con rientro in serata, vi consigliamo di non perdervi questa entusiasmante esperienza! Potete trovare sull’isola tantissimi altri Catamaran&Sailing Charter con diverse basi di partenza, che propongono i più disparati itinerari, talvolta anche personalizzati! #ESTATEINSARDEGNA

6. Fiera dell’Artigianato Artistico della Sardegna

La più longeva manifestazione fieristica dedicata all’artigianato in Sardegna. Uno spazio espositivo che si rinnova anno dopo anno, che racconta l’Isola attraverso le storie e le creazioni dei migliori maestri artigiani. Visitarla è il modo perfetto per scoprire il ricchissimo mondo dell’artigianato sardo! Mogoro, negli oltre 2500 mq di spazio espositivo del Centro Fiera del Tappeto, accoglie ogni anno i migliori artigiani da tutta l’isola e i loro prodotti, nei diversi settori del tessile, legno, oreficeria, coltelleria, pelle e sughero, una delle novità di questa 58^ edizione. Il Filo della Tradizione è lo slogan che ormai da un decennio accompagna l’evento, un filo che richiama non solo l’abile tessitura degli artigiani del territorio, ma anche il raccordo con le diverse realtà produttive della Sardegna. Nel corso dei cinque fine settimana della rassegna, numerose saranno le attività, gli eventi e i laboratori/dimostrazioni in cui sarà possibile vedere all’opera alcuni degli oltre 90 artigiani espositori di questa edizione. La fiera verrà inaugurata venerdì 26 luglio e resterà aperta tutti i giorni dalle 10:00 alle 21:00 sino al 1° settembre. Da non perdere segnaliamo l’interessante progetto “Andando via, omaggio a Grazia Deledda e Maria Lai“, che sarà ospitato all’interno dei locali della fiera dall’8 al 18 agosto. Per tutte le altre informazioni consultate il sito Fiera dell’Artigianato Artistico della Sardegna #ESTATEINSARDEGNA

7. Pevero Health Trail

Questa attività ci è stata consigliata sul nostro profilo Instagram da una gentilissima follower. Si tratta di un particolare percorso salute che fonde natura, sport, benessere e relax. Esso si estende tra il Golfo del Pevero e il Romazzino, nella Costa Smeralda. Perfetto per tutti gli sportivi, ma pensato anche per tranquille passeggiate in famiglia. Il Pevero Healt Trail infatti, è percorribile in mountain bike, di corsa o semplicemente passeggiando immersi nella bellezza della macchia mediterranea. Il percorso è dotato di 11 stazioni denominate ognuna con i nomi delle specie botaniche caratteristiche del territorio: Caprifoglio, Cisto, Corbezzolo, Euforbia, Ginepro, Ginestra, Lavanda, Lentischio, Mirto, Rosmarino, Tamerice. Ogni stazione è dotata di panche e attrezzi che permettono allenamenti anche ad alta intensità. Sul sito web del Pevero Health Trail queste sono tutte cliccabili (le abbiamo cliccate tutte!): in anteprima potrete avere informazioni sulla tipologia di attrezzo/esercizio e il suo utilizzo, il tempo di sosta, la distanza dalla stazione successiva e molto altro. Una delle particolarità di questo percorso è l’innovativo Digital Tracking, che offre la massima sicurezza per un’esperienza unica! Ogni punto del Pevero Healt Trail è mappato e tutta la cartellonistica dispone di QR CODE scansionabile direttamente dal proprio smartphone. Davvero unico! Un’attività ad hoc per tutti gli appassionati di sport e natura! #ESTATEINSARDEGNA

8. Porto Flavia

Una volta arrivato in alto, chiudi gli occhi, fai un lungo respiro e libera i sensi! Affascinante destinazione del sud-ovest della Sardegna. Porto Flavia, scalo commerciale costruito negli anni Venti del ‘900, è oggi riconosciuto patrimonio dell’UNESCO. Si tratta in verità della parte più visibile di un complesso sistema di gallerie sotterranee, presenti nel territorio di Iglesias. È l’estremità di un tunnel lungo circa 600 metri (si tratta di due gallerie sovrapposte), scavato nella roccia interamente a mano. La sua strategica posizione a strapiombo sul mare serviva a convogliare verso l’esterno i minerali estratti dalle Miniere di Masua, che venivano calati direttamente sulle imbarcazioni. Cesare Vecelli, l’ingegnere che progettò la struttura, decise di chiamare l’opera con il nome di una delle sue figlie, Flavia. Il modo migliore per ammirare la struttura esterna, sospesa a metà della parete rocciosa, è senz’altro dal mare! A bordo di un’imbarcazione avrete la possibilità di navigare nella meravigliosa insenatura di Masua e di raggiungere i 4 spettacolari faraglioni: Pan di Zucchero, il più imponente, s’Agusteri, i due laterali e l’ultimo, detto il Morto. Inoltre, nel complesso di Masua, che comprende il suggestivo villaggio minerario, potrete fare un’interessante visita al Museo delle Macchine da Miniera. Il luogo è spettacolare, godetevi il panorama! #ESTATEINSARDEGNA

9. Sardinia Film Festival

Sere d’estate e cinema all’aperto? Ci siamo! Il Sardinia Film Festival è uno degli appuntamenti più attesi nell’isola, un evento interamente dedicato al cinema, che coinvolge 4 location del Nord-Ovest della Sardegna: Sassari, Villanova Monteleone, Bosa e Alghero. Partecipare è il modo migliore per godersi l’autenticità del cinema indipendente, ma anche l’occasione per uno speciale tour delle quattro destinazioni coinvolte. Il festival è organizzato e promosso, ogni anno dal 2006, dal Cineclub di Sassari, importante organizzazione impegnata nella promozione cinematografica in Sardegna. Le opere in concorso, suddivise per fiction, documentari, animazioni, sperimentali e video art, sono state preselezionate tra le migliori da una commissione artistica del Cineclub di Sassari, e verranno valutate dalle giurie ufficiali nel corso del festival. Quindici giornate, centoventi proiezioni in lingua originale e sottotitolate, diciotto prime europee e tante altre internazionali. Un’edizione molto sentita questa, con numerosi e importanti eventi collaterali: tra i più attesi, “Focus Donna”, masterclass di sceneggiatura a cura di Filippo Kalomenidis, in collaborazione con l’associazione Noi Donne 2005. Scoprite le date delle proiezioni e l’intero programma della XVI edizione ( https://www.sardiniafilmfestival.it/ ) #ESTATEINSARDEGNA

“Descrivere la quotidianità, come solo il cinema riesce a trasmettere, trasportando lo spettatore in un mondo parallelo, di finzione, che non è poi così lontano dalla realtà” Sardinia IS ringrazia @ciakmovie

10. Parco Nazionale dell’Asinara

Destinazione perfetta per tutti coloro che amano staccarsi dal resto e immergersi nella natura selvaggia e incontaminata! L’Asinara è anzitutto, un luogo di grande importanza storica: in origine fu una stazione “di quarantena”, in seguito, durante la Guerra Mondiale, divenne un campo di prigionia e infine un carcere di massima sicurezza. Comprensibile come tutto ciò abbia contribuito a mantenere inalterato il paesaggio dell’isola, la sua fauna, la sua vegetazione. Un isolamento secolare che ha permesso all’Asinara di apparire oggi così: un angolo di Sardegna in cui la natura fa da padrona. Sono infatti varie le specie endemiche (circa 30) diffuse esclusivamente in questo territorio. L’Asino bianco dell’Asinara è appunto una di queste, ed è frequente poterlo incontrare negli oltre 5000 ettari di territorio protetto. Potrai percorrere i sentieri del parco a bordo di un fuoristrada, a cavallo, in mountain bike o servendoti del servizio per le visite collettive, con trenino gommato o bus. Per chi desidera godersi il suggestivo paesaggio dell’intera Area Marina Protetta dell’Asinara, consigliamo le escursioni in barca o in catamarano proposte dagli operatori autorizzati del Parco Nazionale dell’Asinara. Abbiamo chiesto informazioni ad Amaremare Boat, e di seguito trovate la loro proposta: “escursioni giornaliere in catamarano a vela, con partenza dal Porto dell’Ancora (Stintino) alle 9:30 e rientro alle 17:30. Si naviga lungo il versante orientale dell’isola, dove ci sono le insenature più belle. Ci si ferma più volte per fare il bagno nei punti più suggestivi. È prevista una sosta a terra a Cala Reale, della durata di un’ora circa. Qui è possibile visitare il CRAMA, il centro di recupero degli animali marini, e in particolare delle tartarughe Caretta Caretta. Quando è possibile si effettua una seconda sosta a Cala Oliva, dove si può visitare una delle sedi del vecchio carcere. È nostro piacere offrire ai nostri passeggeri il pranzo a bordo e le bevande” ( https://www.bb-amaremare.it/escursioni-asinara/ ) #ESTATEINSARDEGNA

11. I Candelieri

Imperdibile appuntamento con un’antichissima tradizione! A Sassari, La Faradda di li Candareri (Discesa dei Candelieri nel dialetto sassarese), è la processione religiosa che anticipa la festa della Vergine Assunta (Ferragosto). In realtà questa particolare parata danzante, in cui vengono trasportati a spalla gli enormi ceri simbolici (i Candelieri appunto), non è l’unica in Sardegna: Sassari insieme ai centri di Nulvi, Ploaghe e Iglesias mantengono viva la Grande Festa del 14 agosto, una delle tradizioni più sentite e celebrate ancora oggi. La sua origine sembra risalire al XIII secolo, epoca in cui la città di Sassari era colonia della Repubblica Pisana, proprio per questi motivi è stata più volte definita come “tradizione importata” ma, rimanga fra noi! Non ditelo mai ad un sassarese! A Sassari, la Discesa dei Candelieri è festa più importante per la città, è la festa di Sassari, la cerimonia più attesa da tutti! Un preziosissimo tassello del vasto patrimonio culturale immateriale italiano, dal 2013 la manifestazione è stata inserita nel patrimonio orale e intangibile dell’UNESCO. Il grande e suggestivo corteo, che parte da Piazza Castello, percorre le vie principali della città fino a raggiungere la chiesa di Santa Maria di Betlem. Tantissimi i visitatori che giungono a Sassari da tutto il mondo per assistere a questa importante tradizione della nostra Sardegna. Scoprite tutte le date che accompagnano l’evento su Paradisola.it #ESTATEINSARDEGNA

12. Arcipelago della Maddalena

Ed ora, benvenuti in paradiso! Rimanete svegli però eh! Non potete perdere per nessuna ragione questo spettacolo! Siamo tra la Corsica e la Sardegna, nel Parco dell’Arcipelago della Maddalena, che si estende per oltre 20 mila ettari di terra e mare, in un’area meglio conosciuta come Bocche di Bonifacio. Il Parco Nazionale, il primo in Sardegna, comprende oltre 60 isole e isolotti, 180 chilometri di coste incontaminate, sconfinati km3 di acque cristalline, considerevoli quantità di rocce modellate dal vento, e infiniti panorami da sogno! La Maddalena, insieme a Budelli, Caprera, Razzoli, Santa Maria, Santo Stefano e Spargi sono le sette isole maggiori dell’arcipelago. Caprera, in particolare, è ricordata per aver ospitato Garibaldi durante un periodo del suo esilio. L’esule Garibaldi, nel viaggio verso Tunisi, dove avrebbe dovuto scontare il suo esilio, fu fatto sbarcare a La Maddalena in attesa di conferme e definizioni. Il suo primo soggiorno durò poco più di un mese, in seguito furono vari i viaggi che lo riportarono in Sardegna. Garibaldi lo aveva capito bene, di tanta meraviglia non ci si può certo dimenticare! Costruì la sua Casa Bianca nell’isola di Caprera, e lì vi rimase fino alla sua morte. Oggi il Compendio Garibaldino di Caprera custodisce il luogo dove il Generale avviò la sua azienda agricola e costruì la sua dimora. L’intero Sistema Museale di Caprera è visitabile, e qua trovate tutte le info. Per ammirare le bellezze dell’intero arcipelago consigliamo il noleggio di un gommone o uno dei tour organizzati ( https://www.giteinbarca.it/index.php/it/ ). L’Arcipelago della Maddalena, meta della tua estate in Sardegna! #ESTATEINSARDEGNA

13. Time in Jazz

Altro grande e prestigioso appuntamento con la musica! “Nel Mezzo del Mezzo“, una trentaduesima edizione del Time in Jazz pensata veramente in grande: musica, ma anche arte, letteratura, cinema, ambiente e società. Questi i contenuti guida del festival, in programma dal 7 al 16 agosto a Berchidda. Il Paese natale del trombettista sardo Paolo Fresu, ideatore e direttore artistico del festival, ogni anno si prepara ad accogliere i più importanti artisti internazionali: il pianista Omar Sosa e la violinista Yilian Cañizares, il grande trombettista Nils Petter Molvær capace di unire jazz, ambient, house, elettronica, hip hop, e il violoncellista brasiliano Jaques Morelenbaum, sono solo alcuni dei nomi di questa ricchissima edizione. Oltre 40 eventi musicali che si susseguiranno dal mattino alla notte, in vari spazi e scenari di Berchidda e dintorni. L’Agnata, la tenuta nei pressi di Tempio Pausania che divenne dimora di Fabrizio de Andrè, ospiterà la serata inaugurale del festival che, nel ventennale della scomparsa del grande cantautore genovese, renderà omaggio all’artista anche attraverso la proiezione di “Faber in Sardegna”, il film documentario diretto da Gianfranco Cabiddu. Qua trovi tutte le altre date! #ESTATEINSARDEGNA

14. Trekking e SUP a Capotesta e Valle della Luna

Sardinia IS, in “Wildlife: La Valle della Luna“, vi aveva già raccontato di questo suggestivo angolo di Sardegna! L’area, meglio conosciuta come la Valle della Luna, è compresa nella piccola penisola di Capotesta, a nord di Santa Teresa di Gallura. Il paesaggio è spettacolare, si ha come la sensazione di trovarsi in un luogo fuori dal mondo, reso particolarmente affascinante dalla presenza di imponenti e pittoresche pareti granitiche modellate dal vento e dall’acqua. La Cala di l’Ea (Cala dell’acqua), così chiamata per la presenza dell’unica fonte d’acqua potabile della penisola, insieme a Cala Grande e Cala di Mezzu, sono le principali cale della Valle. Varie sono le spiagge e le insenature visitabili in tutto il territorio di Capotesta. Salvatore, dell’associazione Terramare, suggerisce in particolare due percorsi di trekking, che seguono tracciati inusuali, e che permettono di apprezzare le bellezze di cinque delle sette cale principali di cui si compone la penisola. Altra piacevole attività è quella che prevede la possibilità di visitare Capotesta in SUP (Stand Up Puddle), un modo divertente e differente di visitare la zona godendo di una prospettiva diversa, che permette di raggiungere via mare alcuni dei punti e delle insenature irraggiungibili via terra. Tutte le attività sono guidate e in totale sicurezza! Inoltre, Terramare propone alcuni interessanti percorsi enogastronomici nel territorio della Gallura, alla scoperta delle particolarità della zona (scopri qui) #ESTATEINSARDEGNA

15. Parco-Museo S’Abba Frisca

Assolutamente da vivere! S’Abba Frisca è uno dei musei etnonaturalistici più importanti d’Italia, il parco-museo che custodisce la più ricca collezione etnografica della Sardegna! Situato nella splendida Valle di Littu, a pochi chilometri da Dorgali e Cala Gonone, il parco-museo prende il nome dalla sorgente naturale S’Abba Frisca, che esso accoglie al suo interno. Aperto al pubblico dal 2005, il parco nasce dallo straordinario progetto di Portolu Secci e della sua famiglia, che con grande passione hanno saputo valorizzare gli spazi e le strutture della vecchia azienda agricola. Dall’eccezionale iniziativa privata, S’Abba Frisca è oggi una delle più significative istituzioni impegnate nella conservazione e promozione del patrimonio culturale, tangibile e intangibile, del territorio. L’itinerario etnografico si sviluppa tra interni ed esterni dove sono esposti circa 4500 pezzi della cultura Barbaricina: il carro, l’aratro, l’antica mola asinaria, la macchina per ferrare i buoi, ma anche l’officina del fabbro, il frantoio in pietra a trazione animale, la cucina con il forno per il pane carasau, gli oggetti necessari alla filatura e tessitura, o semplicemente i ferri da stiro, le bilance o le misure di capacità. Di particolare interesse il capanno del pastore (su Cuile) risalente al XIX secolo realizzato in pietra basaltica e tronchi di ginepro. Il suggestivo percorso botanico, dominato dalla presenza costante dell’acqua, delle incantevoli cascate e fontane, di siepi e alberi secolari e dalle specie della macchia mediterranea, comprende i quindici ambienti museali. I due percorsi si intrecciano in continuazione a voler sottolineare il forte legame tra uomo e natura. Davvero uniche nel loro genere le attività proposte dal parco-museo S’Abba Frisca! Il “Museo Vivente” è l’evento in programma il 23 giugno, che permetterà, durante la visita guidata, di assistere alla cottura e degustazione dell’autentico Pane Carasau e all’estrazione dell’acqua con la noria, un’antica macchina a trazione animale. Attesissimo è anche il “Ferragosto a S’abba Frisca”, scoprite il calendario di tutti gli eventi del museo! (https://www.sabbafrisca.com/home-it.html) #ESTATEINSARDEGNA

16. L’Isola delle Storie – Festival Letterario della Sardegna

Nel cuore della nostra splendida isola, a Gavoi, ritorna il Festival letterario della Sardegna “L’isola delle storie”. Dal 2004, un appuntamento immancabile, giunto alla sua XVI edizione, in programma dal 4 al 7 luglio. La Sardegna e il confronto tra le sue storie e quelle del mondo, tra i suoi autori e i suoi lettori e quelli d’oltremare. Già da domenica 16 giugno, con il Preludio del festival, avremo il primo assaggio dell’evento. Durante questa anticipazione si potrà godere della presentazione di due mostre: Sweets of sin – Le dolcezze del peccato dell’artista polacco Miroslaw Balka, figura prevalente nella scena artistica internazionale; e di una nuova tappa di Intintos, progetto fotografico in fieri di Daniela Zedda, che ritrae l’immersione culturale degli ospiti durante il Festival. Nella prima giornata del festival, giovedì 4 luglio, lo spettacolo serale di Max Paiella con il suo “Solo per voi”, che ci introdurrà nel suo mondo, con l’incontro dei suoi unici personaggi. Per tutta la durata del festival si potrà partecipare ai numerosi incontri, reading, laboratori, spettacoli e proiezioni. Attesissimo è l’appuntamento “Dal balcone”: protagonista sarà la narrazione di tre voci femminili, le quali ci porteranno a riflettere sull’essere madre. L’evento sarà costellato da figure del panorama letterario italiano e internazionale. Nel pomeriggio del venerdì avranno luogo gli incontri del ciclo “Altre prospettive”, accompagnati quest’anno dal giornalista e comunicatore Ignazio Caruso. Ritorna inoltre, “Fronte del placo”, dedicato ai linguaggi dei giovani e adolescenti, il nuovo interessante ciclo inaugurato la scorsa edizione e curato da Fabio Geda. Il Festival, pensato anche per i giovanissimi, dedicherà uno spazio esclusivamente a bambini e ragazzi con diversi laboratori curati dall’Associazione Lughenè. Spazio anche al cinema e alla musica con diverse proiezioni e intermezzi musicali realizzati in collaborazione con il Conservatorio Luigi Canepa di Sassari, che accompagneranno il pubblico durante i diversi incontri. Che dire, un evento ricco di emozioni che ci porterà a viaggiare tra letteratura, arte, musica e cinema colorando la nostra estate in Sardegna! #ESTATEINSARDEGNA

17. The Canyon Gorropu

Non tutti conoscono l’esistenza di questo incantevole monumento geologico situato nel territorio del Supramonte in Sardegna. La gola di Gorropu, con i suoi oltre 400 metri di profondità, è considerata uno dei più grandi e spettacolari canyon d’Europa. Un’autentica opera d’arte disegnata dalla natura in migliaia di secoli, essa è il frutto dell’intenso processo erosivo delle acque del Rio Flumineddu, il fiume che nasce alle pendici del Gennargentu nella foresta di Montes (Orgosolo) e si riversa nel Cedrino, di cui è uno dei principali affluenti.

Eryka in Viaggio lo descrive così, come uno dei luoghi più affascinanti della Sardegna: “Una serie di laghetti incastonati tra pareti ondulate e rigogliosa vegetazione, creano dei giochi d’acqua e dei riflessi che rendono quel posto un luogo fiabesco, romantico, surreale, indimenticabile. Un posto che non vorresti lasciare, che ti fa ricordare di ringraziare di vivere in Sardegna, che ti fa imprecare di non aver la fotocamera adatta ad immortalare la perfezione della natura…”

Circondato dalla fitta macchia mediterranea, il canyon è anche l’habitat di alcune specie uniche, come la sempre più rara aquila reale che, nei punti più alti e appartati delle pareti, nidifica ancora con diversi esemplari. Numerose le storie e le leggende legate a questo luogo: alcuni raccontano di Sa Mama de Gorropu, creatura che abita all’interno del canyon, o ancora dell’esistenza di un punto preciso della gola dove è possibile osservare le stelle anche di giorno! Se questo è abbastanza per andare contro ogni fondamento scientifico, di certo, sappiamo che vivere una notte tra gli scenari incantati del Supramonte, la natura selvaggia e il cielo illuminato da miriadi di stelle, è una delle esperienze più appaganti in assoluto! Tra le escursioni proposte da Gorropu – The Canyon (società Chintula), la “Notte in Supramonte” è di certo quella che più ci affascina! Lasciamo qua il link . Scoprite tutte le altre attività e le informazioni su come raggiungere Gorropu. #ESTATEINSARDEGNA

18. Dune di Piscinas

Grazie a Roberto per questo favoloso scatto – @fringuel15

Il deserto della Sardegna? Si, abbiamo anche quello! Questa incantevole spiaggia, considerata dal National Geographic tra le ventuno mete da sogno del pianeta, non potevamo certo non indicarla! Una vasta area di dune sabbiose della Costa Verde situata nella Sardegna sud occidentale, nel territorio di Arbus. Lontano dai centri abitati, le imponenti dune di Piscinas, fatte di scintillanti sabbie dorate accarezzate dal vento di maestrale, si estendono per circa cinque chilometri quadrati regalando degli scenari da brividi sulla pelle! La Costa Verde, una delle più selvagge in Sardegna, raramente concede giornate di mare piatto e materassino gonfiabile su cui riposare… Il vento che soffia da queste parti fa proprio sul serio! Attenzione. Onde altissime, tra le più spericolate e amate da ogni surfista! Nonostante sia uno dei luoghi più spettacolari, diciamo che non è particolarmente indicato per fare il bagno in tranquillità. Godetevi piuttosto l’ineguagliabile paesaggio e le tante particolarità della zona, come il vicino borgo di Ingurtosu del Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna, che conserva il fascino e la memoria dell’attività mineraria sull’isola. Non rimane che invitarvi a prendere parte a questo spettacolo! #ESTATEINSARDEGNA

19. Sardegna in Kayak

Altra eccezionale attività per godersi il meglio del mare e delle coste della Sardegna. Tantissimi sono gli itinerari per il kayak che interessano l’intera isola, sia su mare che su laghi e fiumi. A bordo di una canoa, pagaiare nel silenzio tra suggestivi paesaggi e acque cristalline è una delle esperienze da vivere in assoluto! Le escursioni in canoa possono avere una durata variabile da metà giornata, a un’intera giornata o anche più giorni. Una delle più rilassanti escursioni in kayak è quella nell’area di Villasimius, destinazione davvero apprezzata per le numerose e bellissime spiagge. Quella a Villasimius è una delle tante escursioni proposte da Cardedu Kayak: un tour di un’intera giornata con partenza dalla Fortezza Vecchia, che comprende la visita all’Isola dei Cavoli e varie soste a Cala di Cipro, Cala di Murta e Cala di Ponente. Lasciamo qua il link dove potrete scoprire gli oltre sessanta itinerari in Sardegna ( http://www.cardedu-kayak.com/escursioni-kayak/ ) #ESTATEINSARDEGNA

20. Burgos e la sua Foresta

Foto di Marianna – Burgos in una delle sue Mini Canvas @itsmary_artworks

Sapete qual è uno dei migliori rifugi quando nelle giornate di agosto il termometro segna oltre 40 gradi? Immersi in un contesto naturalistico di rara bellezza, all’ombra dei boschi del Goceano, tra le tante e fresche sorgenti, la Foresta Burgos è la destinazione perfetta! Gli itinerari percorribili al suo interno sono tra i più suggestivi e rigeneranti! Nei percorsi è possibile incontrare varie sorgenti di buonissima acqua potabile: qua, con molta probabilità, vi capiterà di scambiare qualche chiacchiera con alcuni abitanti dei paesi limitrofi mentre fanno rifornimento di acqua. Le persone del posto sono davvero disponibili e accoglienti, vi daranno sicuramente qualche indicazione o consiglio utile riguardo la zona. Inoltre, sono tante le specie animali che popolano la Foresta e che potrete incontrare lungo il cammino: tra le diverse, il pony sardo e l’asinello bianco dell’Asinara. Burgos è da non perdere! Si tratta del gioiellino del Goceano, un piccolo borgo medievale che sorge tra le pendici rocciose, a circa 600 metri d’altezza, popolato da meno di mille abitanti. Il Castello di Burgos, riconoscibile in lontananza, è un’imponente fortezza del XII secolo che sorge sulle pendici del monte, in un punto particolarmente aspro e roccioso. Edificato per volere del giudice Gonario di Torres, esso rappresentava la roccaforte a difesa del Regno di Torres dagli attacchi provenienti dai giudicati di Arborea, di Càlari e di Gallura. Percorrendo le caratteristiche vie del piccolo paese, è possibile visitare il Museo dei Castelli della Sardegna, ospitato all’interno di una casa padronale di fine Ottocento. Da non perdere! #ESTATEINSARDEGNA